The Quentin Tarantino Archives logo

Così e pulp? Definizione


#1

dato che da quando pure io esisto su msn qui non scrive + nesuno, ;D

apro questo topic, che era da un po’ che volevo aprire e il cui tema è giàstato luogo

di discussione con i miei amici…



si può dare una definizione a “pulp”?? cos’è una cosa pulp??

quando passo per la strada e il mio amico mi dice: "guarda quella gnocca!! molto pulp!! " (e io capisco) cosa intende??

mi raccomando voglio definizioni ed esempi!!! (scene di PF & C non sono validi come esempi… ;D)


#2

[quote=“tommyVega”]


quando passo per la strada e il mio amico mi dice: "guarda quella gnocca!! molto pulp!! "
[/quote]

Sai, vorrei conoscere i tuoi amici ;D


#3

Ormai l’espressione “pulp” è diventata così “trendy” da rappresentare il contrario di quello che dovrebbe significare.

Come prima di lei era successo alla parola “punk”.

Quando essere (o meglio, atteggiarsi da) punk diventa omologazione e moda, quello smette per definizione di essere punk.

Allo stesso modo, quando anche l’ultimo degli intellettuali e dei critici con la puzza sotto il naso trova tutto deliziosamente “pulp” e si riempie la bocca di questo temine, il concetto si spoglia delle sue origini.

“Pulp” sono i giornaletti porno, le riviste dei barbieri (tipo “Stop”), i film della Troma, gli horror di serie B…

Ma, soprattutto, “pulp” è seguire ed amare questo tipo di media e di prodotti dall’inizio, per onesta passione, e non perchè adesso questa etichetta trandy viene appiccicata su ogni cosa e ci si sente quasi in dovere di sorbirsi tutta la filmografia di Alvaro Vitali solo perchè sembra essere molto cool


#4

[quote=“Lonely Shepherd”]
Ormai l’espressione “pulp” è diventata così “trendy” da rappresentare il contrario di quello che dovrebbe significare.

Come prima di lei era successo alla parola “punk”.

Quando essere (o meglio, atteggiarsi da) punk diventa omologazione e moda, quello smette per definizione di essere punk.

Allo stesso modo, quando anche l’ultimo degli intellettuali e dei critici con la puzza sotto il naso trova tutto deliziosamente “pulp” e si riempie la bocca di questo temine, il concetto si spoglia delle sue origini.

“Pulp” sono i giornaletti porno, le riviste dei barbieri (tipo “Stop”), i film della Troma, gli horror di serie B…

Ma, soprattutto, “pulp” è seguire ed amare questo tipo di media e di prodotti dall’inizio, per onesta passione, e non perchè adesso questa etichetta trandy viene appiccicata su ogni cosa e ci si sente quasi in dovere di sorbirsi tutta la filmografia di Alvaro Vitali solo perchè sembra essere molto cool
[/quote]


io il lonely + lo leggo e + lo quoto!!! ;) ;) ;)

ricordiamoci che anche la famosa frase "puuulp, mooolto puuulp..pure troppo" è nata con un significato ma poi si è persa nel linguaggio comune e ha cambiato il suo significato diventando assai di moda...
ma una cosa giusta c'era in quello scatch secondo me....bebo storti, quando faceva il poeta "pulp" diceva un binomio a cui ho sempre pensato riferendomi al "pulp": [b]SANGUE E MERDA[/b] assolutamente trash e incisivo...fa pensare a vicoli bui e puzzolenti dove si consuma ogni tipo di crimine...e a ogni tipo di bassezze umane...


ah lonely, scusa se ti rispondo solo ora e solo qui....ma x le tue dritte musicali mi sto ancora attrezzando ;) ;) ;) ;)

però certe cose su madonna non si diconooooo >:( >:( >:(
zozzo.. ;D

#5

Quoto e staquoto miawallace e il saggio Lonely…

:slight_smile:



Ecco una breve biografia del genere PULP:

Il genere pulp nacque nei primi anni '20 con storie pubblicate a puntate su riviste di 128 pagine dalle sfolgoranti copertine ma con le pagine interne stampate su carta non rifilata di polpa di legno (“polpa” = “pulp”), quindi di infima qualità.



La vicenda è più importante della carta” affermava Frank. A. Munsey, ex telegrafista inventore del formato.

È così che negli anni '30 il genere vide raggiungere il suo apice con la storica rivista “Weird Tales” e cominciarono ad essere pubblicati anche i primi romanzi con protagonisti fissi più o meno famosi. Il prezzo variava dai dieci cents al quarto di dollaro.

Contenevano storie avventurose e di suspense, spesso con protagonisti mascherati, ma quasi sempre con donne sensuali ritratte in copertina.



Un’altra interpretazione dell’origine della parola “pulp” è che fosse l’acronimo di Printed on Untrimmed Low-grade Paper, usato sempre per indicare i magazine stampati su carta ruvida e di bassa qualità.

Da questi romanzi a puntate sono stati tratti decine di adattamenti cinematografici, anch’essi serializzati in più episodi (dai dodici ai quindici) che venivano proiettati il sabato pomeriggio nelle tipiche “sale da popcorn”.



Sito postato tempo fa da miawallace: http://www.pulpcards.com/  :wink:

Queste copertine vi ricordano qualcosa?? ;D





(clicca per ingrandire)







(clicca)







(clicca)







(ckicca)


[quote]dato che da quando pure io esisto su msn qui non scrive + nesuno[/quote]
???

Ma quando mai???

Anche i boss hanno dei sentimenti… :’(


#6

[quote=“Sylvia”]
Quoto e staquoto miawallace e il saggio Lonely…

:slight_smile:



[Sito postato tempo fa da miawallace: http://www.pulpcards.com/ :wink:

Queste copertine vi ricordano qualcosa?? ;D





(clicca per ingrandire)







(clicca)







(clicca)







(ckicca)



???

Ma quando mai???

Anche i boss hanno dei sentimenti… :’(
[/quote]

meravigliosa silvia…mi hai tolto il paragone di bocca! ;D

mi ero tirata giù anch’io queste copertine x fare i confronti…mi hai levato un bel daffare! ;D ;D



tommy!

il forum è molto attivo e questo è grazie anche alla silvia e alla nosrta voglia di scambiarci idee (e chissàcos’altro …uhuhu ;D ;D ;D)…

dico questo in nome del mio essere bodyguard violenta ma dal cuore d’oro… :angel:


#7

[quote=“miawallace”]
io il lonely + lo leggo e + lo quoto!!! :wink: :wink: :wink:[/quote]
:wink: :wink: :wink:

[quote]SANGUE E MERDA[/quote]
Il binomio era piuttosto azzeccato (anche se forse un po’ limitativo): storie violente da leggere sul water, un po’ come fa Vincent in PF…

C’è però un terzo elemento, forse il più importante, che connota il genere pulp, ed è quello evidenziato anche nell’acronimo riportato dall’eccellente Silvia: la bassa qualitàdel prodotto, vale a dire la sua economicitàe la sua natura “usa e getta”.

Romanzi o fumetti stampati su cartaccia, destinati ad essere letti, consumati e abbandonati.

Emozioni a buon mercato da lasciare sulla panchina di una stazione.



Viene da chiedersi se ogni tempo abbia il “suo” pulp: le riviste o le locandine come quelle postate da Silvia, oggi, sono materiale per collezionisti il cui richiamo (penso ai parallelismi evidenti con le immagini promozionali dei film di Tarantino) rappresenta un apprezzabile esercizio di postmodernismo.

Ma è anche vero che, molto spesso, l’etichetta di “pulp”, così come quella di “cult” o “trash”, viene affibiata postuma, quando soltanto il passare del tempo offre la prospettiva necessaria per inserire un prodotto in una categoria.

Le commedie sexy degli anni ‘70, che oggi sono mitizzate dalla nostalgia retrospettiva, sono considerate “cult” adesso, ma chissàqual era la loro percezione al momento in cui uscirono nelle sale?

E i film di Boldi e De Sica, che oggi sono soltanto patetici ed imbarazzanti, assurgeranno anch’essi al mito, di qui a 30 anni?



E’ difficile percepire se qualcosa sia pulp (o cult, o trash…) nello stesso momento in cui esiste.

Mi vengono in mente pochi esempi.

Le riviste di fumetti Skorpio e Lanciostory, forse.




[quote]ah lonely, scusa se ti rispondo solo ora e solo qui…ma x le tue dritte musicali mi sto ancora attrezzando :wink: :wink: :wink: :wink:
[/quote] Mulo! Mulo! Mulo! ;D

[quote]però certe cose su madonna non si diconooooo >:( >:( >:(

zozzo… ;D
[/quote]
Non mi ricordo cos’ho detto… :frowning:

Carampana? :wink: :-*


#8

[quote=“The Sidewinder”]
Sai, vorrei conoscere i tuoi amici ;D
[/quote]

meglio di no!! ;D

[quote]tommy!

il forum è molto attivo e questo è grazie anche alla silvia e alla nosrta voglia di scambiarci idee (e chissàcos’altro …uhuhu )…[/quote]

decisamente grazie alla silvia (baciamo le mani, boss), e alla gente strana che lo popola…





una definizione così precisa e dettagliata del pulp mi mancava!!

grazie mille!